Impianti dentali fissi: ecco tutto quello che devi sapere
2503
post-template-default,single,single-post,postid-2503,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1400,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive,elementor-default

Impianti dentali fissi: tutto quello che devi sapere

Hai spesso sentito parlare di impianti dentali fissi e vuoi provare a ritrovare il tuo sorriso sostituendo i denti persi tramite questo trattamento. Come orientarsi tra tutte le diverse terminologie e tecniche? In questo articolo ti aiutiamo a fare chiarezza!

Cosa sono gli impianti dentali fissi?

Gli impianti dentali fissi sono delle protesti che vanno a sostituire in modo permanente i denti persi.

Questi si compongono di 3 diversi elementi: 

  • la radice artificiale endossea: l’elemento dell’impianto dentale che viene inserito nell’osso.
  • L’abutment o moncone: l’elemento di giunzione tra la vite e la protesi dentale.
  • La protesi dentale: la corona in ceramica che sostituisce il dente perso. È la parte esterna dell’impianto dentale.  

Questi tre elementi insieme sostituiscono il dente mancante, permettendo di ritrovare l’estetica e la funzionalità del sorriso.

Le tipologie di impianti dentali

Diverse sono le esigenze dei pazienti che si affidano agli impianti dentali fissi, e diverse sono le tecniche e modalità di trattamento che possono essere utilizzate. 

  • Quando manca un singolo dente: è possibile inserire un unico impianto dentale, che fornisce supporto per una corona fissa in ceramica. 
  • Quando mancano più denti: l’assenza significativa di denti si può risolvere con la tecnologia Toronto Bridge, che consiste in una protesi fissa avvitata su 6 impianti che può andare a sostituire fino a 10-12 denti.

L’implantologia a carico immediato: è quella tecnica che permette di avvitare i denti fissi provvisori nella stessa giornata in cui si inserisce l’impianto, realizzando interamente l’intervento in un singolo giorno. Si differenzia dall’implantologia a carico differito, in cui è necessario attendere 3/6 mesi prima di posizionare la protesi dentale sull’impianto inserito.  

Quali sono i vantaggi di un impianto dentale?

Affidarsi a un impianto dentale fisso può portare a numerosi vantaggi rispetto all’utilizzo delle protesi mobili, eccone alcuni: 

  • la durata nel tempo: gli impianti dentali hanno una durata media di 10/15 anni, ma con le giuste attenzioni possono durare fino a 20 anni. 
  • Estetica e funzionalità: gli impianti dentali fissi  permettono di ottenere denti con caratteristiche simili ai denti naturali sia dal punto di vista estetico, che funzionale. 
  • Il tasso di successo: pur variando da individuo a individuo, si attesta superiore ai 95% dei casi. 

Ritrovare il tuo sorriso naturale è possibile grazie agli impianti dentali. 

È fondamentale studiare in modo approfondito il singolo caso e affidarsi alla tecnica più idonea!

Se vuoi ricorrere all’implantologia dentale, contattaci: ti consiglieremo la soluzione più adatta a te.

Passa a trovarci in studio:

Prenota il tuo appuntamento QUI.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

×

Powered by WhatsApp Chat

× Chatta con Noi!