Chirurgia orale | Studio Dentistico Minniti Moro a Sassari e Alghero
624
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-624,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1400,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
Abbiamo la ricetta per il tuo sorriso!

Chirurgia orale

chirurgia-orale

Quando si utilizza la chirurgia orale?

La chirurgia orale si impiega in diverse branche dell’odontoiatria, consentendo anche riabilitazioni dentali complesse. Tra i diversi interventi troviamo quelli rigenerativi di osso e gengiva, le correzione degli squilibri scheletrici per il trattamento delle malocclusioni ortodontiche, le estrazione di radici o denti etc.

Implantologia Dentale - Dott. Alessandro Minniti

La chirurgia dentale si esegue nel momento in cui è necessaria l’estrazione di un dente.  Ad esempio i denti del giudizio. Non si utilizza solo per questo, ma anche per altre tipologie di trattamento. Alcuni esempi sono le asportazioni di cisti e tumori del cavo orale, rialzi di seno mascellare, innesti di osso e rigenerazione ossea attraverso l’utilizzo di membrane e biomateriali.

Per quanto riguarda l’estrazione del dente del giudizio, ciò che preoccupa la maggior parte dei pazienti non è l’estrazione del dente stesso, ma il periodo successivo all’intervento. Per evitare problemi dopo l’intervento, è meglio che il paziente mantenga un comportamento corretto. La cosa migliore da fare è seguire le indicazioni del medico. Soltanto mettendo in pratica i consigli del dentista, si velocizzano i tempi di guarigione. Inoltre si riduce al minimo il dolore post operatorio.

La chirurgia orale è davvero fondamentale anche per l’inserimento di impianti dentali. In questi casi è molto importante valutare le condizioni e le caratteristiche dell’osso alveolare. Questo per verificare che siano idonee all’intervento stesso, in modo da evitare riduzioni di volume: stiamo parlando di atrofie ossee. Tali atrofie sono causate dalla pregressa perdita dei denti o dagli effetti di una malattia parodontale. In questi casi, per poter inserire uno o più impianti dentali, risulta fondamentale aumentare prima il volume dell’osso alveolare per poter procedere poi al meglio.

Contattaci ora per maggiori informazioni.

Chatta con Noi!